5 lovely places

Ecco i nostri angoli preferiti del centro di Genova, al di là degli itinerari più conosciuti e senza attrazioni o monumenti particolari. Per noi sono posti poetici e suggestivi, dove esce fuori l’anima della città, ma è una questione personale… chissà che non rubino il cuore anche a voi.

Vico Indoratori – Vico dei Ragazzi
Di colpo camminando tra i caruggi, vi si apre alla vista una piazzetta con degli alberi e un campo da bocce. Una radura, un posto singolare, dove, se alzate gli occhi in alto, vedrete il cielo fatto di case verticali e fronde verdi.

Il verde si confonde con l’azzurro in Vico Indoratori ©genova4tourist

La punta dei Magazzini del Cotone
Estate, inverno, in qualsiasi stagione ci si può sedere su queste panchine a pelo d’acqua, vedere i bastimenti caricarsi di container, sentire i rumori del porto, immaginare viaggi e posti lontani. E poi proprio di fronte, in mezzo alle gru, svetta lo spirito di questa città, la Lanterna.

L’edificio dei Magazzini del Cotone, nelle giornate d’inverno è pieno di sole ©genova4tourist

Piazza delle Scuole Pie
Questa bellissima piazza a pochi passi da San Lorenzo e dai caruggi più trafficati, è sempre vuota e proprio per questo sembra che lì il tempo galleggi. Fa corona alla Chiesa barocca del Santissimo Nome di Maria e degli Angeli custodi (normalmente è visitabile nel weekend).

Piazza delle scuole Pie, sempre in bilico tra ombra e sole, foto ©genova4tourist

Piazza dei Macelli di Soziglia
La mattina passeggiare in mezzo a macellerie, negozi che vendono stoccafisso o abiti usati, pasta e leccornie, frutta, verdura, pesce, libri, dischi oppure stoffe. E poi lì al centro, tra aromi e odori di cibi, una piazza con uno squarcio verso il cielo.

Santa Maria di Castello
Vista da lontano è uno dei Campanili che svetta su tutti, vicino al mare. Inerpircarsi tra le stradine attorno alla Chiesa, fa sembrare dei cercatori di tesori, anche se quello più prezioso è proprio la Chiesa di Santa Maria e il suo museo.

Chiesa di Santa Maria di Castello, Loggia dell’Annunciazione, affresco di Giusto d’Alemagna (1451) ©genova4tourist

E sono cinque. Più uno che non è nel centro storico, ma è di una bellezza tutta sua, indefinibile. Stiamo parlando della scalinata di Salita della Tosse, che vi porterà attraverso un ciottolato ripido e mille rami di fiori e foglie verdi, in via San Vincenzo: la quiete prima della tempesta.

La salita della Tosse, via breve dal centro per arrivare in via San Vincenzo ©genova4tourist